venerdì 13 aprile 2012

Groupon: dove ho sbagliato? Where I went wrong?


Il testo italiano è qui sotto, scendere per trovarlo grazie
Prossimo post lunedì 16 aprile 
Next post Monday april 16th



If you are a recurrent reader of this blog you know that I’ve quite a mania, an obsession for the chances Groupon can present, and I’m a loyal client of the offers that this company, and its friends like Groupalia & alia, propose. I had some unpleasant experience but the level of general satisfaction is high.
What I noticed in the past is that shops using this marketing chance usually misuse it, taking it for a way to increase cash instead of using it for it really is: a promotion tool.
I wrote a post about that suggesting a strategy that could be used to increase one’s reputation and therefore getting back the investment in the Groupon experience. It got quite a huge number of visit and good appreciation.
So I produced a sort of small brochure with a text based on these hints, a QR-code linked to the video I realized about this Groupon strategy, and gave it to all the restaurants I dined in thanks to Groupon. That was not enough: I monitored for a about month all the proposal I received from this coupon promoters and send an email to all the restaurants and shops who were advertising.
It seemed to me a nice idea. Can you guess how many answers I received, not for proposing me a contract, but even for just saying “thank!” since I was giving away some good piece of advice?
None.
Now, I turn to you to be taught: where I went wrong? Can you provide me some suggestions?
Thank you

Testo italiano



Se sei un lettore abituale di questo blog sai che ho la mania, quasi l'ossessione per le opportunità che Groupon può rappresentare e io stesso sono un cliente, che potrei definire fedele, delle offerte che questa società -e i suoi… fratelli come Groupalia- propongono. Ho avuto qualche esperienza spiacevole, ma il livello di soddisfazione generale è alto.
Quello che ho notato in passato è che i negozi che utilizzano questa opportunità di marketing di solito ne fanno uso improprio, prendendolo per un modo per aumentare la liquidità, invece di utilizzarlo per ciò che realmente è: uno strumento di promozione.
Ho scritto un post suggerendo una strategia che potrebbe essere utilizzata per aumentare la propria reputazione e quindi rientrare dell'investimento nell'esperienza Groupon. Ha ottenuto un gran numero di visite e buon apprezzamento.
Così ho realizzato un piccolo opuscolo con un testo sulla base di questi accenni, un QR-code legato al mio video che ullustra la “strategia Groupon”, e l'ho dato a tutti i ristoranti dove ho cenato grazie a Groupon. Nonsolo: ho monitorato per un mese tutte le proposte che ho ricevuto da Groupon e simili e ho inviato una email a tutti i ristoranti e negozi che erano pubblicizzati.
Mi sembrava una bella idea. Riuscite a indovinare quante risposte ho ricevuto, non per la proposta di un contratto, ma anche solo per dire "grazie" dal momento che stavo dando tanti buoni consigli gratis?
Nessuna.
Ora, mi rivolgo a voi per imparare: dove ho sbagliato? Potete darmi qualche suggerimento?
grazie

7 commenti:

Anonimo ha detto...

La diffidenza è molta ("chissà poi cosa chiede in cambio questo qui"), la presunzione è ancor più forte ("il negozio è mio e lo gestisco io"). Per non parlare dell'ignoranza diffusa: sai in quanti pensano che "quelli come te" vendano aria fritta?!
Ilaria

Paolo Pugni ha detto...

Grazie Ilaria, temo proprio che sia così: personalmente, con malizia, penso più al terzo che hai detto, ma è estremamente probabile che anche il primo abbia peso.

Jacopo ha detto...

Concordo pienamente con Ilaria!!!

Elena Giannopolo ha detto...

So che in un momento di crisi come questo sembra assurdo, ma in base alla mia esperienza con piccole e medie imprese, tutto ciò che è gratis viene visto con sospetto e diffidenza e quindi non apprezzato.
Il tuo video è sicuramente teaser, interessante anche l'idea di inviarlo in QR code, anche se credo che il target del piccolo commerciante non sia il più adatto per il QR.
Perchè non approfondisci l'argomento e ne fai un ebook?
Elena

Paolo Pugni ha detto...

Grazie Elena, in effetti temo che sia così. Da un lato non si vuole spendere, dall'altro si teme la fregatura... ottima l'idea dell'e-book, ci provo a realizzarlo. Grazie mille! Se riesci a fare un salto anche al post del 19 aprile, magari hai un consiglio intelligente anche per quella richiesta!

Grazie anche a Jacopo!

Mauro Barboni ha detto...

Buonasera,

sono Mauro Barboni titolare di 2 saloni di parrucchiere a Roma. Sono già 3 volte che esco su Groupon e sono contentissimo per svariati motivi che sarebbe lungo da scrivere qui! io sono interessato a seguire i suoi consigli e magari darLe io i miei. Sono anche disponibile se vuole a darle una mano nello scrivere l'ebook, raccontando la mia esperienza.

Buonaserata
Mauro

Paolo Pugni ha detto...

Grazie Mauro, sarei veramente lieto di raccontare la tua esperienza e mettere in comune con i lettori i tuoi successi. Mi farebbe piacere iniziare con un tua intervista sul tema. Come facciamo a metterci in contatto? Puoi mandarmi il tuo indirizzo email attraverso il blog? O attraverso G+? Grazie mille
attendo tue notizie
Paolo

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...